Annabelle – La Storia Vera della Bambola Maledetta

0
4700
annabelle

Vi è sicuramente capitato di sentir parlare del film Annabelle del regista John Leonetti, magari l’avete anche visto, anche se la prima volta è apparsa in “The Conjuring – L’Evocazione” di James Wan, questa è la vera storia o almeno è quello che si racconta e che si nasconde dietro la bambola maledetta.

La bambola Annabelle fece il suo ingresso nel 1970

La storia ha inizio nel 1970, la protagonista di questa vicenda è una studentessa, Donna, che abita in un appartamento insieme a una compagna di studi, Angie, il giorno del suo compleanno riceve in regalo, da sua madre, una bambola di pezza, una Raggedy Ann, che ha trovato rovistando in un negozio di antiquariato.

annabelle doll
Le bambole di pezza “raggedy Ann”

Donna la mise al centro del letto come un soprammobile e non ci pensò più. Qualche tempo dopo, però, la bambola sembrò muoversi, movimenti che all’inizio erano quasi impercettibili, ma che col passare del tempo diventarono piano, piano, sempre più eclatanti. Braccia, gambe e testa sembravano messi lievemente diversi dalla posizione di partenza, la prima ad accorgersene fu proprio la compagna di studi. Col passare dei giorni però la bambola fu trovata addirittura in altre stanze.

Ogni volta che rientravano nell’appartamento la trovavano in una stanza diversa, la lasciavano in cucina e la ritrovavano in  camera da letto con la porta chiusa a chiave, altre volte era sul divano con gambe e braccia incrociate oppure in piedi appoggiata ad una sedia. Ad un certo punto iniziò persino a scrivere piccoli bigliettini con la calligrafia da bambino su un tipo di carta che in casa non c’era. I messaggi dicevano “Help us” e “Help Lou”.

Lou era un amico delle due ragazze, spesso era loro ospite e la presenza della bambola Raggedy Ann lo disturbava non poco, era convinto che fosse posseduta da qualche spirito e suggerì loro di sbarazzarsene in fretta. Donna e Angie non gli dettero ascolto finché le cose a un certo punto andarono peggiorando.

L’arrivo del medium e la scoperta di Annabelle Higgins

Una sera, Donna, si accorse di una cosa che le fece venire i brividi, la bambola non solo aveva cambiato stanza ed era ancora una volta sul suo letto, ma aveva sulle mani e sul torace una sostanza rossa che almeno in apparenza sembrava sangue. A quel punto le due ragazze si spaventarono e decisero di avvalersi di un medium.

Il medium si mise in contatto con lo spirito che possedeva la bambola e scoprì che si trattava di una bambina di sette anni di nome Annabelle Higgins, il suo corpo era stato ritrovato in quel punto, nel campo che c’era prima che quell’edificio fosse costruito. Lo spirito aveva vagato a lungo in quella zona finché quel giorno fatidico non arrivò la bambola Raggedy Ann. Il sensitivo disse anche che la bambina si trovava bene con loro e che si sentiva amata, Donna e Angie ebbero compassione e decisero di farla rimanere con loro.

bambole possedute

Le cose iniziarono a degenerare con Annabelle

Una notte che Lou era ospite da Angie e Donna svegliandosi di soprassalto e sentendo che qualcosa non andava, guardò nel buio e vide Annabellle che lentamente strisciava sulle sue gambe, paralizzato dal terrore la vide scivolare sul suo corpo fino ad arrivare al suo collo, la bambola lentamente iniziò a strangolarlo. Da quel momento Lou, non ricordò più niente, ma il giorno dopo si convinse che non fosse stato solo un sogno. Decise che fosse l’ora di liberarsene.

Qualche giorno dopo, Lou e Angie, nel silenzio della casa improvvisamente sentirono chiaramente degli spaventosi rumori provenire dalla stanza di Donna, che in quel momento non era in casa, quando il ragazzo aprì la porta, tutto cessò e vide solamente Annabelle gettata in un angolo a terra, mentre si avvicinò alla bambola Lou sentì un forte dolore al petto, il suo corpo era stato lacerato da sette profondi graffi fatti visibilmente da un artiglio, tre graffi verticali e quattro orizzontali, come se qualcuno si fosse aggrappato a lui. Nella stanza c’erano solo lui e Annabelle.

L’arrivo di Ed e Lorraine Warren: i famosi demonologi

coniugi warren
Ed e Lorraine Warren

A questo punto anche Donna si convinse che la bambola non era posseduta dallo spirito di Annabelle Higgins, ma da qualcosa di più pericoloso e malefico. Quindi si misero in contatto con padre Cooke della chiesa episcopale che dopo aver sentito il loro racconto, decise di chiedere aiuto ai coniugi Warren.  Ed e Lorraine Warren accettarono il caso e scoprirono che la bambola non era posseduta ma era manovrata da uno spirito maligno che la spostava a proprio piacimento facendo credere di essere l’innocente Annabelle, mentre in realtà cercava di impossessarsi di un corpo umano.

“Questi esseri demoniaci non si legano a oggetti inanimati”

Nel giro di poco tempo, spiegarono gli Warren, avrebbero posseduto una delle ragazze finendo con un tragico epilogo”.

In viaggio con Annabelle

Fu chiesto a Padre Cooke di fare un esorcismo nell’appartamento mentre Ed e Lorraine portavano via la bambola. Posizionarono la bambola sul sedile posteriore ma il viaggio dette non poche preoccupazioni, numerose avarie allo sterzo e ai freni li costrinsero a fermarsi durante il tragitto per non rischiare di andare fuori strada. Per poter proseguire il viaggio misero Annabelle in un sacco e la cosparsero di acqua santa.

Ed mise la bambola seduta su una sedia del suo ufficio. Nei giorni seguenti la situazione non migliorò ma si fece ancora più terrificante: la bambola venne vista lievitare nella stanza più volte e cadere subito dopo inerte. In alcune occasioni fu ritrovata in altre stanze e sempre più spesso la ritrovavano a oscillare sulla sedia a dondolo di Ed che si trova al secondo piano.

Chiamarono allora un prete esorcista Padre Jason Bradford. L’uomo si rivolse ad Annabelle dicendole che era solamente una bambola di pezza, una Raggedy Ann, che non avrebbe potuto far del male a nessuno. Quella sera tornando a casa, il prete, venne coinvolto in un incidente gravissimo dove rischiò la vita, si salvò solo per miracolo.

Da quel momento la bambola fu rinchiusa in una teca nel loro museo il “Warren Occult Museum”
museo warren
I coniugi Warren con la bambola Annabelle

I fenomeni cessarono ma ci fu un altro episodio raccapricciante legato ad Annabelle, la bambola maledetta. Un visitatore arrivato al museo insieme alla sua ragazza, saputa la storia della bambola da Ed, volle sfidare il demone picchiettando sulla teca e dicendogli di provare a graffiare con i suoi artigli anche lui. Ed Warren gli disse di smetterla e di andarsene al più presto.

Tre ore dopo il ragazzo perse il controllo della moto andò a sfracellarsi contro un albero, morì sul colpo. La sua ragazza si salvò e quando uscì dall’ospedale, dopo circa un anno, l’unica cosa che ricordava prima dell’incidente, era di aver deriso la bambola.

Ogni due o tre mesi la bambola Annabelle viene benedetta da un prete.

Questo è ciò che si racconta o almeno è ciò che hanno raccontato gli Warren che si sono occupati di questo inquietante caso.

  • Edward Warren Miney ( 7 settembre 1926 – 23 agosto 2006)
  • Lorraine Warren si è spenta il 18 aprile 2019 all’età di 92 anni.
bambola malefica
Museo Warren “Warren Occult Museum”
Annabelle Film
  • The Conjuring – L’Evocazione diretto da James Wan del 2013 (prima apparizione).
  • Annabelle diretto da John R. Leonetti del 2014 (spin-off).
  • Annabelle 2: Creation regia di David F. Sandberg del 2017.
  • Annabelle 3 uscirà il 3 luglio 2019.

Leggi anche:

Articolo precedenteIsola delle Bambole in Messico – Un Posto da Brividi!
Articolo successivoLeonarda Cianciulli – La Saponificatrice di Correggio
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it