Isola delle Bambole in Messico – Un Posto da Brividi!

0
1350
isola delle bambole

In Messico c’è un’isola (Isla de las Munecas – isola delle bambole) dove “occhi senz’anima” seguono i visitatori che osano avventurarsi al suo interno, si tratta di centinaia di terrificanti bambole appese agli alberi, su staccionate e su cespugli; bambole decapitate, impiccate e mutilate, con orbite vuote da cui spesso spuntano raccapriccianti insetti.

Si racconta che la notte cambino di posizione e che nell’oscurità si avvertono risate di bambini riecheggiare nel nulla, la mattina addirittura, queste bambole vengono ritrovate in luoghi diversi dalla loro precedente collocazione.

L’isola delle bambole è stata una creazione di Julian Santana Barrera, un uomo che si era rifugiato in quest’isola messicana negli anni ‘50, lasciando moglie e figlia, rimanendo molti anni in solitudine.

Com’è nata l’Isola delle Bambole?

Si narra che un giorno vide riaffiorare in un canale, il corpo di una bambina affogata e subito dopo riemergere anche una bambola. Convinto che lo spirito della bambina fosse intrappolato nella bambola, decise di appenderla ad un albero, ma questo non placò la sua mente, che ben presto fu popolata da numerosi incubi.

La sua ossessione divenne tale che iniziò a raccattare bambole dappertutto, per far sì che sia lo spirito della bambina, sia il demonio che tormentava la sua mente fossero allontanati dall’isola. Arrivò persino a recuperarle dalla spazzatura e a vendere i propri oggetti per ottenerle in cambio.  Si diceva addirittura che le nutrisse con i prodotti del suo orto.

 

Julian Santana Barrera con una delle sue bambole

Iniziarono a circolare leggende dopo il fatto del 2001, si diceva che l’Isola delle Bambole fosse infestata

Ad alimentare queste leggende di bambole assassine e di maledizioni fu quello che successe nell’aprile del 2001: Julian Barrera andò a pescare col nipote e gli confidò di essere perseguitato da presenze maligne, in particolare dal canto di una sirena che voleva trascinarlo sott’acqua per portarlo nell’aldilà. Il nipote senza dar peso alle sue parole, finita la pesca, andò a far pascolare le mucche, ma quando ritornò, trovò lo zio privo di vita nell’acqua, nel punto esatto, dove disse di aver trovato la bambina affogata.

Da quel giorno iniziarono a circolare le voci che l’isola fosse infestata da spiriti maligni e persino dallo spirito dello stesso Barrera attirando turisti curiosi da tutto il mondo. Il numero delle bambole è in continuo aumento poiché i visitatori hanno continuato il “rituale” aggiungendone altre.

John Leonetti, regista del film  Annabelle disse:

“le bambole sono figure umane ma mancano di emozioni. In pratica sono gusci vuoti. “Sono cave dentro. Uno spazio che deve essere riempito”. Magari di malvagità”.

isola delle bambole messico

isola delle bambole impiccate messico

Come arrivare sull’isola

Per raggiungere questa destinazione inquietante occorre prendere le trajineras, che sono delle barche tradizionali antiche e coloratissime che solcano la laguna, partendo dai canali di Xochimilco, 28 km a sud di Città del Messico. Lungo il percorso si trovano le chinampas che sono giardini galleggianti di origine azteca.

Le trajineras

L’isola delle bambole, un posto, sicuramente da brivido, sconsigliato a chi ha la fobia delle bambole (pediofobia), perché si troverà a scorgere vecchi bambolotti e arti di plastica dondolare tra i rami attraversati dalla luce del sole, come frange di alberi che si muovono col vento, e anche a quelli che sono sensibili al sussurro di vecchie e inquietanti leggende…

Leggi anche:

Articolo precedenteManicomio Willard – La sua Storia e le 400 Valigie Ritrovate
Articolo successivoAnnabelle – La Storia Vera della Bambola Maledetta
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it