Famiglia Snedeker – The Haunting in Connecticut

0
1714
il messaggero storia vera

Dopo l’uscita del film “The Haunting in Connecticut”, un film sul paranormale tratto dalla storia della famiglia Snedeker,  Lorraine Warren, che insieme al marito Ed si occupò del caso, disse che la realtà dei fatti è stata “molto, ma molto più spaventosa di qualsiasi film si possa realizzare”.

Il film in questione in italiano ha come titolo “Il messaggero”, per chi non l’avesse visto, parla di una famiglia che affitta una casa che è situata vicino all’ospedale dove uno dei figli va a fare terapie, ben presto però il ragazzo avverte alcune presenze e scopre che la casa ha un oscuro passato…

casa infestata

LA STORIA DELLA FAMIGLIA SNEDEKER

Nel 1986 la famiglia Snedeker si trasferì in una casa a Southington, Connecticut, affittandola a poco prezzo. Avevano pensato di aver avuto fortuna poiché la casa si trovava nelle vicinanze dell’ospedale dove il figlio maggiore Philip Snedeker si sottoponeva a cure giornaliere a causa del linfoma di Hodgkin. Dopo poco tempo che si furono trasferiti, scoprirono che nel seminterrato si celavano varie attrezzature mortuarie appartenenti ai precedenti proprietari che l’avevano adibita a casa funeraria. I defunti qui venivano preparati per i funerali, c’erano strumenti per autopsie, alcune urne funerarie, resti di alcune bare e foto di persone decedute.

film sul paranormale

Il primo ad accorgersi che c’era qualcosa di strano in quella casa fu proprio Philip, aveva deciso di prendere possesso della stanza più grande che era posizionata nel seminterrato accanto alla camera funeraria, insieme al fratello minore Bradley. Pochi giorni dopo iniziò a scorgere alcune presenze nella stanza, ombre che si delineavano piano, piano, poi cominciò ad avvertire diversi suoni sinistri, nonostante ciò i genitori pensavano che fossero allucinazioni date dalle medicine che Philip prendeva. Non passò molto che la personalità di Philp cominciò a cambiare, iniziò a diventare più cupo, sempre più arrabbiato, con scatti d’ira sempre più frequenti. Iniziò a mettere abiti scuri e a leggere libri sull’esoterismo, componeva poesie sempre più inquietanti e lugubri.

il messaggero film
Scena tratta dal film “Il Messaggero”
il messaggero film
Scena tratta dal film “Il Messaggero”

LA FAMIGLIA SNEDEKER E LA DISCESA NELL’ INFERNO

Qualche tempo dopo anche la madre Carmen e gli altri membri della famiglia iniziarono ad avvertire cose spiacevoli. Carmen vide acqua color del sangue sgorgare dal rubinetto della cucina, percependo addirittura l’odore ferroso. Si sentiva spostare da forze invisibili e spesso le si materializzavano graffi su tutto il corpo.

Cambi di temperatura furono avvertiti nelle varie stanze, luci che si accendevano da sole, nonostante che le lampadine fossero staccate. Si sentivano spesso odori sgradevoli, come di carne in decomposizione. Nelle settimane successive diverse entità demoniache fecero la loro apparizione. Carmen Snedeker ha descritto i demoni così: “Uno dei demoni era molto magro, con zigomi alti, lunghi capelli neri e occhi come la pece. Un altro aveva capelli e occhi bianchi, indossava uno smoking gessato e i piedi erano costantemente in movimento”.

famiglia snedeker
La famiglia Snedeker con i coniugi Warren

L’ARRIVO DI ED E LORRAINE WARREN

Alla fine decisero di chiamare i coniugi Warren, i 2 famosi demonologi e  ricercatori del paranormale. Ed e Lorraine accettarono il caso e si trasferirono insieme al loro team, per alcune settimane, dalla famiglia Snedeker.  La casa fu poi esaminata. Scoprirono che i precedenti proprietari, che avevano l’impresa di pompe funebri, erano stati coinvolti in casi di necrofilia, riti satanici e sedute spiritiche che avevano scatenato le forze demoniache all’interno della casa.

Le presenze divennero sempre più violente, alcuni componenti della famiglia Snedeker affermarono addirittura di essere stati violentati da due demoni. Fu richiesto un esorcismo che fu fatto il 6 settembre del 1988. Da quel momento nella casa regnò la calma per diverso tempo. Si dice che la famiglia, continuò anche dopo un po’ di tempo a percepire ancora alcuni fenomeni paranormali finché finalmente non si trasferirono in un altro posto. Gli inquilini che in seguito abitarono la casa non ebbero nessun problema, nessuna manifestazione fu mai segnalata.

Philip Snedeker morì nel 2012 a 38 anni.

Questa vicenda ha ispirato oltre al film, anche un documentario “A Haunting in Connecticut” e un libro scritto da Ed e Lorraine Warren.

snedeker

Leggi anche:

Articolo precedenteThe Fleece Inn – Il Pub più Infestato della Gran Bretagna
Articolo successivoL’Uomo con l’Ascia di New Orleans – Axeman
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it