Ponte del Diavolo, Patto col Diavolo a Cividale?

0
835
ponte del diavolo cividale

Il ponte sul fiume Natisone può essere considerato il simbolo di Cividale del Friuli, è conosciuto con il nome “Ponte del Diavolo”.

Un tempo la costruzione era in legno, poi nel 1442 ne fu progettata una in pietra da Daguro da Bissone, che ha iniziato la costruzione. Dopo la sua scomparsa, fu continuata da Erardo da Villaco e terminata da Bartolomeo delle Cisterne. Il ponte fu sottoposto a continue ristrutturazioni negli anni per via delle furiose piene del fiume.

Il 17 ottobre 1917, però ci fu un drammatico epilogo; il ponte fu abbattuto facendolo saltare durante la disfatta di Caporetto, per impedire l’avanzata degli austriaci.

cividale del friuli ponte del diavolo

Fu rapidamente ricostruito, seguendo la sua struttura originaria e Il 18 maggio 1918 fu inaugurato. Rischiò una seconda volta la distruzione, alla fine del secondo conflitto mondiale, per opera dei soldati tedeschi, fortunatamente i danni furono lievi.

Dopo tutte queste vicissitudini la fantasia popolare prese il sopravvento, si diceva che la costruzione del ponte fosse opera del diavolo.  Il maligno avrebbe costruito il ponte in una sola notte, ma in cambio voleva la prima anima che ci fosse transitata sopra (come nel caso del ponte del diavolo a Lucca). I cividalesi accettarono il patto.

In una sola notte, lo realizzò, ma il diavolo, per fare in fretta, si servì dell’aiuto della madre, che portò col suo grembiule l’enorme scoglio centrale. I cividalesi però al momento di tener fede al loro patto, si burlarono del diavolo, facendo passare sul ponte un cane per primo. Il maligno con gli occhi infuocati per la rabbia cercò di distruggere il ponte, ma non ci riuscì, perché poco prima era stato benedetto con l’acqua santa. I cividalesi furono salvi e il diavolo ritornò all’inferno.

cividale ponte del diavolo

Baule del Diavolo

In piazza del Duomo, sempre a Cividale, la quarta domenica del mese, dalle 8.00 alle 20.00, si svolge un mercatino delle cose vecchie e usate, chiamato “Baule del Diavolo”. Gli espositori presenti, provengono anche da altre regioni italiane e dall’Austria, e si possono trovare diverse varietà di prodotti. Un mercato d’antiquariato noto ai collezionisti e agli appassionati.

Leggi anche:

Articolo precedenteStenterello: la Storia della Maschera di Carnevale Fiorentina
Articolo successivoPocahontas – La vera Storia della Principessa Disney
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it