Triangolo delle Bermuda: quali Misteri Nasconde?

0
2702
triangolo delle bermuda

Triangolo delle Bermuda: mistero svelato?

Il Triangolo delle Bermuda, conosciuto anche come il Triangolo del diavolo, è considerato come uno dei luoghi più misteriosi presenti sul pianeta terrestre, poiché proprio in questa zona geografica sono concentrati numerosi misteri ancora oggi non risolti.

Non a caso sul Triangolo delle Bermuda sono stati scritti vari libri ed un numero considerevole di articoli che trattano le vicende accadute in questa particolare zona geografica. Ebbene, sembrerebbe che gli scienziati della University of Southamption, nel Regno Unito, abbiano trovato una spiegazione alla sparizione misteriosa di alcune navi mai più ritrovate.

isole bermuda

Triangolo delle Bermuda: dove si trova?

Prima di capire come effettivamente il mistero che avvolge da anni il Triangolo delle Bermuda sia stato risolto, è doveroso spiegarne la posizione geografica.

Il Triangolo delle Bermuda è situato nell’Oceano Atlantico e confina a nord con la costa più meridionale dell’arciperlago delle Bermuda, a sud con il punto più occidentale del Puerto Rico e ad ovest con il punto più a sud della penisola della Florida. La sua particolare forma triangolare ha un’estensione di 1100000 km².

triangolo bermuda
Triangolo Bermude
Ecco perché il mistero del Triangolo delle Bermuda sarebbe fittizio

Per risolvere questo mistero, gli scienziati hanno utilizzato alcuni simulatori indoor per creare delle onde anomale, molto simili a quelle che sono state avvistate per la prima volta da alcuni satelliti nel 1997, al largo delle coste del Sud Africa.

I ricercatori britannici, una volta studiato il fenomeno delle onde, hanno realizzato un modello della nave militare USS Cyclops, scomparsa proprio in quella zona con oltre trecento persone a bordo mentre si dirigeva dalle Barbados a Norfolk, in Virginia.

La simulazione ha dimostrato quanto, nonostante si trattasse di una nave di grandi dimensioni, la forza dell’onda anomala sia stata capace in pochi secondi di spezzarla in due e risucchiarla.

Secondo gli esperti, in quella determinata zona geografica, sono presenti tempeste che si uniscono da Sud a Nord e tale condizione creerebbe un’onda anomala in grado di spezzare in due anche navi di grandi dimensioni come quella della USS Cyclops.

Ecco un’altra teoria sul mistero delle Isole Bermuda

Quella degli scienziati britannici, però, non è l’unica teoria sul mistero che avvolge le Isole Bermuda. A mettere fine a questo giallo ci ha pensato anche un giornalista scientifico australiano, Karl Kruszelnicki, che durante un’intervista rilasciata a commento della sua ricerca, ha dichiarato, senza mezzi termini, che il numero di disastri aerei e navali avvenuti in quella zona sono perfettamente in linea con quelli avvenuti nel resto del mondo.

Secondo questo giornalista australiano, trattandosi di una zona molto vicina all’Equatore e prossima alle coste degli Stati Uniti, il mare ed il cielo sono molto trafficati, ecco perché il numero di incidenti sembra più alto rispetto alle altre zone.

il triangolo delle bermude

Sempre secondo quest’esperto, quindi, la principale causa degli incidenti navali è dovuta alle pessime condizioni climatiche del luogo. Lo stesso vale per gli incidenti aerei avvenuti in questa zona che sarebbero riconducibili a terribili errori umani come conducenti ubriachi e clamorosi errori di rotta.

Per quanto riguarda, invece, la questione dei relitti e dei corpi mai più ritrovati anche in questo caso la spiegazione è semplice: le acque, in quel punto, sono molto profonde e anche con i mezzi a disposizione oggi sarebbe alquanto improbabile trovare relitti o cadaveri. Insomma si tratta di un vero e proprio mistero fittizio, ma che ancora oggi fa parlare di sé.

triangolo delle bermuda mistero svelato
Ecco alcune delle navi scomparse e degli aerei volatilizzati in questa zona
  • Il Rosalie: una nave francese scomparsa nel 1840 che era in viaggio da L’Avana verso l’Europa. La nave venne ritrovata con il carico intatto, ma dell’equipaggio neanche l’ombra.
  • The Mary Celeste: un piccolo veliero con a bordo 10 persone, scomparve nel novembre del 1870. Venne ritrovato nel Triangolo delle Bermuda nello stesso anno, ma priva di equipaggio.
  • L’Atlanta: una nave che salpò dalle Bermuda verso l’Inghilterra. Scomparve, letteralmente, proprio in quella zona con 290 persone a bordo nel mese di gennaio del 1880.
  • Il Freya: una grande nave tedesca che era salpata da pochi giorni da Cuba. Il 4 ottobre 1902 sparì insieme a tutto l’equipaggio.
  • Il Ciclope: era una grande nave della Marina degli Stati Uniti, lunga 150 metri e con un peso di 19000 tonnellate. La nave scomparve con 309 persone a bordo, mentre navigava tra le isole Barbados e Noorfolk il 4 marzo 1918, senza neanche lanciare un messaggio di soccorso.

  • Raifuku Maru: una nave cargo giapponese che scomparve nel 1924, tra le Bahamas e Cuba, dopo aver lanciato una richiesta di aiuto.
  • Il Cotopaxi: era il 1925, quando questa nave scomparve tra Charleston e l’Avana.
  • Il Stavanger: scomparve nel 1931 con 43 uomini a bordo, mentre navigava vicino a Cat Island nelle Bahamas.
  • Il Rubicone: un nave da carico cubana che scomparve nel 1944 nel cuore del Triangolo delle Bermuda. Venne ritrovata a largo della Florida dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti, senza equipaggio ad eccezione di un cane.

  • L’aereo DC-3: un piccolo aereo privato che scomparve durante un volo commerciale con 32 passeggeri e l’equipaggio nel 1948, in un punto imprecisato tra San Juan, Puerto Rico e Miami.
  • L’aereo da trasporto York: scomparve nel febbraio del 1952 con 33 passeggeri e i membri dell’equipaggio, mentre era in viaggio verso la Giamaica.
  • Gli aerei KC-135 e Stratokanter: erano due aerei nuovi dell’US Air Force. Scomparvero il 28 agosto del 1963, a sud ovest delle Bermuda, mentre erano in missione segreta. Gli aerei, infatti, erano diretti verso una base segreta per il rifornimento militare situata nell’Atlantico.
  • L’aereo C-119 Flyng Boxcar: un aereo di linea con 10 passeggeri a bordo che scomparve il 5 giugno 1965 in prossimità dell’isola delle Bahamas.
cotopaxi nave
La nave merci SS Cotopaxi scomparsa nel 1925

Alcuni film sul Triangolo delle Bermuda

  • L’occhio nel triangolo (Shock Waves) è un film del 1977 diretto da Ken Wiederhorn
  • Il triangolo delle Bermude (El Triángulo diabólico de las Bermudas) è un film del 1978 scritto e diretto da René Cardona Jr.
  • Bermude: la fossa maledetta è un film del 1978, diretto da Anthony Richmond
  • 666 Il triangolo maledetto (The Dark Side of the Moon) è un film del 1990 diretto da D. J. Webster.
  • Mistero alle Bermuda è un film del 2001 diretto da Lewis Teague.

  • Scooby-Doo e i pirati dei Caraibi (Scooby Doo! Pirates Ahoy!) è un film del 2006 prodotto e diretto da Chuck Sheetz
  • Triangle è un film del 2009 scritto e diretto da Christopher Smith
  • Percy Jackson e gli dei dell’Olimpo – Il mare dei mostri (Percy Jackson: Sea of Monsters) è un film del 2013 diretto da Thor Freudenthal
  • Bermuda Tentacles è un film statunitense del 2014, diretto da Nick Lyon
  • Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar (Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales) è un film del 2017 diretto da Joachim Rønning

Leggi anche:

Articolo precedenteAnneliese Michel: la Vera Storia dell’Esorcismo di Emily Rose
Articolo successivoTunguska: cosa accadde di Misterioso nel 1908?
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it