Ossario di Sedlec – Praga

0
865
ossario di sedlec

L’ossario di Sedlec, che si trova vicino a Kutná Hora è un luogo indubbiamente singolare, per alcuni macabro, per altri una meta affascinante da non perdere.

sedlec ossario
Lo stemma degli Schwarzenberg costruito con ossa e teschi

La storia dell’ossario di Sedlec inizia nel 1278 quando l’abate Enrico del monastero cistercense tornò dalla terra santa con della terra raccolta nel suolo di Golgota e la disperse nel cimitero di Sedlec a Praga. Da quel momento molte persone provenienti da tutta Europa, volevano seppellire i propri cari in quel luogo perché credevano di donare loro la salvezza eterna.

Durante corso degli anni si accumularono molti corpi nel cimitero soprattutto a causa di due grandi tragedie che colpirono la Repubblica Ceca, nel 1300 ci fu la peste nera e nel 1400 le guerre hussite.

Nel 1400 fu costruito un ossario che venne posto in una cripta all’interno della nuova chiesa costruita nel cimitero di Sedlec: “la chiesa di tutti i santi”. Nel 1511, i frati, iniziarono ad accumulare le ossa più vecchie per far posto a quelle nuove nel magazzino della chiesa.

ossario sedlec
L’enorme candeliere composto da ossa e teschi
chiesa-sedlec
La cappella (ossario di Sedlec) si trova nel cimitero della chiesa di tutti i Santi a Sedlec

La nascita dell’ossario di Sedlec

Nel 1870, un intagliatore, František Rint, che era al servizio del duca di Schwarzenberg, pensò di utilizzare quelle ossa accatastate per creare insolite e macabre decorazioni. Oltre a decorare le pareti e la volta creò varie sculture con i resti degli scheletri che sono circa 40.000. Tra le più famose che possiamo ammirare sicuramente risaltano l’enorme candeliere composto da ossa e teschi incastrati perfettamente tra di loro, l’imponente stemma degli Schwarzenberg, calici e grandi piramidi totalmente composti con i resti umani dell’ossario.

ossario di sedlec praga
40.000 scheletri umani decorano la cappella

Curiosità

La band metal statunitense Machine Head, girò nel 2011, alcune scene del loro videoclip del brano Darkness Within che fa parte dell’album Unto the Locust.

Lo scrittore irlandese John Connolly, nel romanzo “L’angelo delle ossa”, ha ambientato alcune parti proprio nell’ossario di Sedlec.

Leggi anche:

Articolo precedenteLa Porta dell’Inferno in Turkmenistan
Articolo successivoSarnano e l’Oggetto Misterioso
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it