Giardini di Ninfa a Latina: la Storia e la Nascita dell’Oasi di Ninfa

0
402
giardini di ninfa
I luoghi meravigliosi d’Italia
L’oasi di Ninfa

La diversità dei paesaggi, con un connubio di storia e cultura, rende l’Italia una penisola ricca di luoghi che ispirano un fascino atavico, posti che attirano il viaggiatore, suscitando emozioni uniche alla vista di realtà che sembrano essere uscite dai racconti dei miti antichi o dalla tela di un pittore. Immergersi in questi ambienti è come entrare in un libro di leggende e poter quasi vedere figure mitologiche che sono sedute vicino all’acqua, avvolte in un’atmosfera tranquilla e placida.

I Giardini di Ninfa sono uno di questi luoghi, in cui si narra che le Ninfe vivessero, una località che oggi è stata nei secoli un luogo ameno, meta di viaggiatori, artisti e letterati, un posto dal fascino indimenticabile che lascia sensazioni indescrivibili. Immergersi nel mondo delle Ninfe nei pressi di Latina vuol dire poter vivere per un attimo la straordinaria bellezza della natura di un’Italia meravigliosa.

ninfa gardens

I Giardini di Ninfa
Un luogo dai risvolti romantici

I Giardini di Ninfa sono un’oasi naturale nei pressi di Cisterna Latina, che si estende per circa 8 ettari in un paesaggio che rispecchia la storia e la cultura di questa zona del Lazio. L’oasi di Ninfa è stata dichiarata nel 2000 monumento Naturale della Regione Lazio al fine di tutelare la sua straordinaria bellezza. Ciò che affascina già dai primi passi il viaggiatore, è la vista di un bellissimo giardino che si sviluppa all’interno dei ruderi della vecchia città di Ninfa. A rendere il paesaggio un quadro uscito dall’abilità dei più grandi pittori paesaggistici è la presenza di un laghetto che lambisce un piccolo isolotto.

giardini di ninfa roma

Un luogo che sembra essere uscito da un sogno, in cui si rimane affascinati dalla prorompente natura che caratterizza i giardini, con 1300 specie di piante, tra cui si trovano betulle, magnolie, iris acquatici, aceri e ciliegi. Un luogo in cui la biodiversità, è in perfetto equilibrio con l’operosità degli esseri umani dato che lungo il percorso, il viaggiatore potrà ammirare anche i ruderi dell’antica città di Ninfa e di numerose chiese che hanno segnato la storia di questo luogo, avvolti in un velo di romanticismo.

Ti potrebbe interessare anche: Parco Sigurtà: tra Fiori, Monumenti e Giardini Acquatici

i giardino di ninfa

Il Giardino di Ninfa e la sua storia
La nascita dell’oasi delle Ninfe

Quando lo straordinario spettacolo della natura si unisce con una storia ricca di eventi e che ha radici nei secoli passati si crea una realtà unica, qualcosa che inevitabilmente lascia un segno indelebile all’interno dell’animo umano. I Giardini di Ninfa racchiudono in sé questi due aspetti. Le sue origini risalgono all’epoca romana in cui sorse la cittadina agricola di Ninfa, il cui nome sembra essere strettamente collegato al mito romano delle Ninfe che si dicevano abitassero l’isolotto al centro del piccolo lago.

giardini ninfa

La cittadina iniziò ad acquistare importanza nei secoli successivi la caduta dell’impero romano, quando la palude invase la via Appia, rendendo la strada vicino alla piccola città, la sola praticabile per raggiungere la parte meridionale della penisola. La cittadina prosperò sotto il controllo della famiglia Caetani e l’influsso dello stato pontificio, fino al 1380, anno in cui fu il terreno di scontro delle contese tra i diversi pretendenti al ruolo di pontefici. La cittadina venne saccheggiata e distrutta con i ruderi che ben presto vennero avvolti dalla vegetazione.

giardini di ninfa latina

Il primo progetto dei Giardini di Ninfa si ebbe alla fine del XVI secolo con la realizzazione di due viali ad angolo retto. Ma la vera creazione del parco di Ninfa che oggi attira tanti visitatori per le sue straordinarie bellezze è a opera di Gelasio Caetani che nel 1921 iniziò il restauro del giardino rendendolo un luogo che ha affascinato artisti e scrittori di fama internazionale. La visione che abbiamo oggi è quella realizzata da Lelia Caetani, l’ultima erede della famiglia, la quale rimasta senza eredi decise di istituire la Fondazione Roffredo Caetani che oggi è la custode di questa area straordinaria, considerata anche dal WWF nel 1976 come zona da proteggere e tutelare.

giardino ninfa

Perché visitare l’oasi di Ninfa
Tra ruderi e le bellezze del parco

Per chi voglia visitare questo splendido luogo agli inizi del mese di ottobre vengono organizzate le visite guidate da parte della Fondazione. Percorrere i viali è un’esperienza da effettuare almeno una volta nella propria vita, un tragitto che dura circa un’ora e che permette a chiunque di poter vivere in tranquillità dei momenti unici ed eccezionali. Man mano che ci si inoltra tra i ruderi della piccola cittadina, con le sagome delle chiese, sembra quasi di ritornare indietro nel tempo, all’epoca in cui le Ninfe vivevano intorno al lago e diedero vita al romantico paesaggio dei Giardini di Ninfa.

parco di ninfa
Giardino di Ninfa Orari e Date

L’ingresso al giardino è suddiviso in fasce orarie e su prenotazione – Le prossime visite (ogni visita ha la durata di 1 ora):
SABATO 05 OTTOBRE 2019 – DOMENICA 06 OTTOBRE 2019 – DOMENICA – 03 NOVEMBRE 2019

Leggi anche:

Articolo precedenteCastello di Gropparello: il Parco delle Fiabe e il Fantasma di Rosania Fulgosio
Articolo successivoIsola la Gaiola: il Mistero dell’Isola Maledetta a Napoli
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it