Mazapegul – Il Folletto Romagnolo

0
1563
mazapegul

Nella tradizione popolare romagnola il mazapegul è un folletto che come aspetto somiglia a un incrocio tra una scimmietta e un gatto di pelame grigio, porta un bastone da passeggio e in testa un berretto rosso.

Il mazapegul ama intrecciare le code e le criniere dei cavalli, ma la sua preferenza va alle belle fanciulle, scompiglia loro i capelli, si insinua sotto le sottane, le insegue per tutta la casa, ma ama soprattutto entrare di soppiatto nelle case, saltando sui mobili e fermandosi sul petto della ragazza, sospirandole frasi dolci e passionali tipo:

« ad bëll òcc ! ad bëll cavéll ! » “Che occhi belli! Che capelli belli!”.

Se la donna si sottomette, lui gli rassetta la stanza, se invece lo deride e gli preferisce il marito o il fidanzato lui comincia a mordere, graffiare, spostare oggetti e fare dispetti per tutta la notte.

COME SI RESPINGE IL MAZAPEGUL?

Ci sono alcuni modi per allontanare il Mazapegul, una leggenda dice che lasciasse appoggiato il berretto sul pozzo di corte prima di entrare in casa, bastava buttarlo nel pozzo per far sì che il folletto perdesse i poteri. Ma lui si lamenterà:

« dam indrì e’ mi britin ! dam indrì e’ mi britìn ! » “dammi indietro il mio berettino”…

Altrimenti, potrebbe essere utile lasciare un forcone sotto il letto, oppure un altro metodo consisterebbe nel mangiare un pezzo di pane e formaggio facendo finta di spidocchiarsi o facendo i bisogni al contempo, il Mazapegul si offenderebbe talmente tanto da sparire per sempre.
Un sistema per vedere se il folletto è passato da casa nostra consiste nello spargere della farina davanti alla porta di casa, se ci sono impronte simili a quelle del gatto, vuol dire che ci ha fatto visita.

Queste antiche leggende traggono origine dal paganesimo e da sempre affascinano tutti quelli che amano il folclore.

Leggi anche:

Articolo precedenteLa Berta – Santa Maria Maggiore Firenze
Articolo successivoCraco: Il Paese Fantasma in Basilicata
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it