Foresta Pietrificata di Martis in Sardegna

0
541
foresta pietrificata

Il fascino della Sardegna
Le bellezze del paesaggio e la foresta pietrificata

La Sardegna è una regione dai diversi volti, terra che affascina da sempre i viaggiatori per la sua cultura e tradizione, ma è anche un luogo in cui l’ambiente stesso con le sue bellezze testimonia un passato, in cui non è solo protagonista il mare, ma anche la campagna, ricca di vegetazione e di misteri. Un esempio è la regione dell’Anglona, nella zona centro settentrionale della regione Sarda, in cui ci si può imbattere in un fenomeno unico e che ogni volta lascia sempre stupiti e incantati i visitatori: la foresta fossile di Martis.

Ma qual è la sua origine? Cosa rende tanto speciale questo luogo?

foresta fossile
Alberi Pietrificati

La foresta fossile in Sardegna
La sua origine

Quando si parla di foreste pietrificate si identifica un particolare processo che ha permesso di trasformare gli alberi in veri e propri resti fossili. Per questo il termine utilizzato è quello di foresta fossile, oppure di alberi pietrificati. È un evento che caratterizza diversi luoghi della terra e che nasce per eventi catastrofici. La regione Anglona è forse dal punto di vista geologico una delle terre più antiche della Sardegna, dato che l’origine della foresta fossile a Martis si è avuta nel Miocene inferiore, circa 20 milioni di anni fa a seguito di una eruzione vulcanica la quale ha interessato un’area molto estesa.

martis sardegna
Cascata di Triulintas a Martis

A seguito del fenomeno vulcanico, le foreste si sono inabissate nei laghi circostanti i quali sono stati riempiti di cenere dovuta all’eruzione, procedendo quindi alla fossilizzazione. Gli alberi pietrificati infatti si sono creati attraverso il processo di silicizzazione il quale si determina grazie all’enorme pressione subita dal legno che ha determinato la sostituzione delle parti più dure dell’albero con gli atomi di silicio. In questo modo si definisce una forma identica a quella originale, ma non più di natura organica, ma di pietra.

Ti potrebbe interessare anche: Domus de Janas – La Casa delle Fate a Sedini

foresta pietrificata sardegna

Il parco Paleobotanico a Martis
Lo spettacolo degli alberi pietrificati

Nel 1992 fu istituito il Parco Paleobotanico della foresta pietrificata di Martis, al fine di salvaguardare i reperti che erano stati rilevati. Per questa ragione vennero costruiti delle gallerie-ombrario in legno che da lontano hanno la forma di strane baite, ma in realtà hanno la funzione di tutelare dal vento e dal sole i resti della foresta pietrificata oltre che indicare i luoghi più significativi per la presenza dei reperti fossili. Il parco si estende per circa 100 chilometri quadrati, una delle più ampie superfici fossili presenti nel nostro Paese.

foresta di pietra

Una volta che si giunge all’ingresso, l’accesso è completamente gratuito e non si deve attendere molto per imbattersi nei primi reperti. Quello che rende particolarmente affascinante gli alberi pietrificati è la presenza di queste strutture in pietra che risultano avere le stesse caratteristiche morfologiche delle piante originali. Alcuni hanno il tronco inciso con le venature della corteccia, e sono anche di grandi dimensioni. Altri reperti fossili invece presentano un foro circolare al centro, dove è possibile studiare il processo di fossilizzazione.

alberi pietrificati

La foresta pietrificata in Sardegna di Martis è un luogo dal fascino inimitabile, dove è possibile per i ricercatori studiare l’evoluzione della terra e le sue trasformazioni, ma anche per i viaggiatori per osservare il fascino di una creazione unica nel suo genere.

foresta pietrificata martis

Leggi anche:

Articolo precedenteScilla e Cariddi: i Mostri Leggendari dello Stretto di Messina
Articolo successivoCharles Manson, la Manson’s Family e gli Omicidi a Cielo Drive il 9 agosto 1969
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it