Piramo e Tisbe: il Mito che ha Influenzato Romeo e Giulietta

0
897
piramo e tisbe

La poetica di Ovidio

Ovidio (Publio Ovidio Nasone), poeta latino nato a Sulmona nel 43 a.C., fu per molti anni presso la corte dell’Imperatore Augusto, che, in seguito ad uno scandalo, lo costrinse in esilio a Tomi, una località sul Mar Nero.

Estremamente prolifico, scrisse numerose opere poetiche, tra cui “Ars Amandi”, “Amores”, “Remedia Amoris” e quello che viene considerato unanimemente come il suo capolavoro: il poema epico e mitologico denominato “Le Metamorfosi”.

metamorphosis ovidio
Frontespizio di una edizione della Metamorfosi, datata 1632 (foto Wikipedia)

La poetica di Ovidio è incentrata principalmente sull’amore collegato all’eros, concepito non tanto come passione ma come elegante intrattenimento ludico; non mancano altre tematiche, tra cui la mitologia che riveste un ruolo di primaria importanza nelle vicende narrate dal poeta.

Il suo stile si ricollega all’estrema finezza stilistica dei poeti Ellenistici, che a volte è stata criticata per l’eccessivo manierismo, ma che comunque contraddistingue la raffinatezza dei versi di Ovidio.

metamorfosi ovidio
Una illustrazione datata 1474 di Circe e Odisseo con i compagni trasformati in animali

Nelle Metamorfosi vengono rielaborate numerose leggende e miti Greci e Latini; il tema dominante di questa opera è la trasformazione di esseri umani in oggetti inanimati (pietre, astri, sassi) oppure in animali.

Tali trasformazioni non si collegano soltanto agli aspetti fisici ma soprattutto a quelli psichici dei protagonisti, la cui emotività viene analizzata con grandi doti introspettive.

La vicenda di Piramo e Tisbe narrata da Ovidio

Nel libro IV delle Metamorfosi viene narrata la leggenda di Piramo e Tisbe, una storia emblematica sull’amore tragico poiché i due protagonisti sono due giovani innamorati che, a causa dei contrasti tra le loro famiglie, sono condannati ad una tragica sorte.

La vicenda è ambientata presso Babilonia, dove Piramo, un giovane Assiro e Tisbe, una giovane Babilonese, avevano ricevuto il divieto assoluto di incontrarsi.
Dopo essere stati rinchiusi in due stanze che fortuitamente erano separate unicamente da un muro, i due protagonisti erano comunque stati in grado di scambiarsi messaggi attraverso un’apertura del muro che divideva le loro prigioni.

tisbe
John William Waterhouse, 1909 – Tisbe accostata al muro

Attraverso tale abitudine di scriversi, i due giovani avevano instaurato un rapporto amoroso alimentato proprio dai divieti e dall’impossibilità di vivere il loro sentimento alla luce del sole.
Sentendosi oppressi dalle costrizioni imposte dalle rispettive famiglie, e sperimentando la violenza psicologica dei divieti, Piramo e Tisbe erano arrivati alla decisione condivisa di fuggire, dopo avere aggredito i servi posti a sorveglianza delle stanze, per poi incontrarsi sotto ad un albero di gelso.

La giovane per prima aveva raggiunto il luogo del convegno con l’amato, ma nella sua attesa, era stata assalita da un leone con le fauci sporche di sangue che le aveva imbrattato la veste pur senza ferirla.
Dopo essere fuggita spaventata Tisbe aveva perduto la veste macchiata di sangue e si era allontanata dal luogo in cui stava arrivando Piramo, il quale dopo aver trovato il velo insanguinato della sua amata, si era ucciso pugnalandosi, convinto della morte di Tisbe.

Accorsa terrorizzata, Tisbe era stata in grado di ascoltare le ultime parole di Piramo che le confermavano il suo amore esprimendo il sollievo per averla vista viva.
Ma Tisbe, annientata dal dolore di avere perso l’amore della sua vita, dopo aver impugnato il pugnale, si era uccisa a sua volta, concludendo drammaticamente la vicenda.

piramo e tisbe ovidio
Piramo e Tisbe di Pierre Gautherot (1769-1825)

Secondo il mito, il sangue sgorgato dai corpi straziati dei due giovani, aveva tinto di rosso le bianche bacche del gelso.

L’amore infelice di Piramo e Tisbe assume la connotazione di una vera e propria tragedia incentrata sulle tematiche dell’amore infelice perché ostacolato dalle famiglie, della fuga sfortunata, del fraintendimento fatale e della morte dei protagonisti.

tisbe e piramo
Piramo e Tisbe di Abraham Hondius (1631-1691)

L’influsso del mito di Piramo e Tisbe sulla tragedia di Romeo e Giulietta

La storia di Romeo e Giulietta scritta da Shakespeare mostra notevoli analogie con quella narrata da Ovidio, a partire dall’antefatto collegabile all’odio tra le famiglie dei due protagonisti, a proseguire con il fraintendimento della presunta morte di uno dei due, fino ad arrivare al tragico epilogo della morte condivisa.

La trama di un amore finito drammaticamente ha offerto lo spunto a numerosi autori anche antecedenti a Shakespeare, come Boccaccio che in alcune sue novelle ha narrato vicende molto analoghe.

romeo giulietta
Romeo e Giulietta di Francesco Hayez

La tragedia Shakespeariana di Romeo e Giulietta è sicuramente quella che ha risentito maggiormente di tale influsso, come si può dedurre dalle numerose analogie sia narrative che di successione degli eventi che, in molti passi, appaiono speculari.
In particolare risulta rilevante la tematica del fraintendimento, tanto cara al poeta Inglese, a cui anche Ovidio aveva dato un particolare risalto.

Nonostante alcune minime discrepanze si può comunque notare come Shakespeare abbia quasi “copiato” da Ovidio, senza curarsi in alcun modo di modificare neppure parzialmente il famoso mito di Piramo e Tisbe.

Leggi anche:

Articolo precedenteVlad Tepes l’Impalatore e la Leggenda del Conte Dracula il Vampiro
Articolo successivoPonti del diavolo: i 12 più Famosi e le loro Leggende
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it