Incisioni Rupestri della Valcamonica

0
467
incisioni rupestri

Incisioni rupestri della valcamonica: un viaggio in un fantastico museo all’aria aperta.

valle camonica incisioni rupestri

Il Parco nazionale delle incisioni rupestri si trova a Capo di Ponte, in Val Camonica in provincia di Brescia. Il parco è stato realizzato nel 1955, l’area si estende per oltre 14 ettari e costituisce uno dei più importanti complessi di rocce incise, se ne contano ben 104.
Secondo alcuni studi le incisioni si collocano tra il neolitico e l’età del ferro, anche se la maggior parte appartengono a quest’ultima.

parco incisioni rupestri valcamonica

Nella parte centrale del parco si può ammirare un’esposizione di massi menhir provenienti dai comuni di Borno e Ossimo.

Alcune rocce sono di dimensioni veramente notevoli, come la prima scoperta, la roccia numero 1, sulla quale prendono posto centinaia di raffigurazioni. Sono presenti molte figure di animali, uomini armati, edifici, un labirinto e molte altre.

incisioni rupestri capo di ponte

La roccia numero 70 è tra le più interessanti, questa figura enorme con le corna di cervodovrebbe rappresentare la divinità celtica Cernunnos, secondo alcuni studiosi.
Altre incisioni interessanti sono sulla roccia 35 dove possiamo notare la raffigurazione del Sacerdote che corre e la Scena del fabbro.

incisioni rupestri della valcamonica
Scena del fabbro
valcamonica incisioni rupestri
Raffigurazione del sacerdote

La visita completa di tutti i percorsi richiede almeno 4 ore.

Leggi anche:

Articolo precedenteCastellaro Lagusello e il Lago a Forma di Cuore
Articolo successivoMuseo della Carta e della Filigrana di Fabriano
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it