Basilisco: una curiosa creatura mitologica

0
1949
basilisco

Il basilisco è un rettile leggendario che uccide con lo sguardo e con l’alito, nella simbologia cristiana è considerato il re dei serpenti.

Come nasce il basilisco

Una leggenda racconta che il basilisco sia nato dall’uovo di un vecchio gallo, deposto sul letame, e che sia stato covato da un rospo. E’ raffigurato con il corpo di un gallo con la coda di drago o da un serpente con le ali di gallo.

creatura mitologica

Col suo sguardo che pietrifica e col suo alito velenoso, uccide tutto ciò che si trova sul suo cammino.

In alchimia è il simbolo del fuoco distruttore che annuncia la trasformazione dei metalli.

Nei bestiari medievali, il basilisco era descritto come un serpente coronato e venerato dai suoi sudditi. Simbolicamente incarna i peccati e in particolare la lussuria, la sifilide che si diffuse alla fine del secolo XV, fu denominata “morbo del Basilisco”, nel medioevo si pensava che Cristo lo avesse schiacciato insieme agli altri animali citati nei salmi.

E’ molto difficile catturare un basilisco, il suo nemico mortale è la donnola, che cerca di azzannarlo alla gola, ma anche se ci riesce, inevitabilmente muore anche lei, il solo modo sicuro per ucciderlo consiste nel fargli vedere la sua immagine riflessa a distanza ravvicinata, così che il suo sguardo mortale gli si ritorca contro.

basilisco significato
Bestiario medievale

Il malefico basilisco da chiaro specchio sugge

per la propria rovina il veleno dei suoi occhi;

chi è incline a far del male al prossimo

è giusto venga colto egli stesso dal proprio empito assassino. W. H. Hohberg (1675).

basilisco mitologia

Lucertola Gesù Cristo

lucertola gesù

Oltre al basilisco leggendario esiste un rettile in natura: il basilisco piumato. Viene soprannominato lucertola di Gesù Cristo per la sua particolare abilità di correre e camminare sull’acqua, grazie alle piccole bolle d’aria che vengono trattenute nel palmo delle quattro zampe. Questo effetto è creato sbattendo velocemente le zampe munite di squame sull’acqua e serve loro per fuggire ai predatori. La sua velocità è di 10km/h, sia a terra che in acqua.

Il suo colore è verde e più raramente blu, sul dorso della schiena presenta una cresta. Questo rettile crestato, può raggiungere i 60 cm di lunghezza, compresa la sua lunga coda a frusta. Si trova nelle foreste tropicali in America centrale.

Leggi anche:

Articolo precedente13 a Tavola: perché il numero 13 porta sfortuna?
Articolo successivoUna Storia Horror: la Storia di Carol Compton
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it