Aileen Wuornos: la Storia della Serial killer che ha Ispirato il Film Monster

0
937
aileen wuornos

Il film Monster: la vera storia di Aileen Wuornos

Quando si pensa a un serial killer si immagina la violenza che viene perpetrata da un uomo nei confronti di donne indifese. Ma la storia raccontata nel file Monster del 2004 rivela una realtà diversa: stavolta l’assassino è una donna di nome Aileen Wuornos, una serial killer che nel giro di un solo anno ha ucciso 7 uomini. Il suo modus operandi: adescarli con il sesso e sparare ai malcapitati con una calibro 22.
Una storia reale di sesso, violenza e omicidi che ha suscitato molte discussioni per la condanna a morte di questa assassina che fino alla fine si è proclamata innocente perché vittima a sua volta di stupro e di sevizie, ma mostrando la sua ferma volontà di continuare ad uccidere.

serial killer donna

Aileen Wuornos: l’infanzia, la vita da strada e la relazione con Tyria Moore

Aileen Wuornos nasce il 29 febbraio del 1956, con il nome di Aileen Carol Pittman, cognome del padre che non conoscerà mai, dato che la madre Diana Wuornos decise di lasciare il marito, ubriacone e pedofilo, appena due mesi prima della sua nascita. Leo Pittman morirà qualche anno dopo in carcere ucciso da altri detenuti. Come spesso avviene nella vita dei serial killer, i germi di quella violenza che si rivelerà successivamente sono già presenti proprio nella loro infanzia.

La madre di Aileen Wuornos nel 1960 decide di abbandonare la figlia, che viene adottata dai nonni a Troy nel Michigan. Ma la sua infanzia non è delle migliori. Il nonno Lauri Wuornos è un uomo ipocrita, alcolizzato e violento, che infligge anche severe punizioni corporali ai nipoti. Aileen e il fratello Keith subiscono continue angherie sia morali che fisiche e al contempo sono lasciati crescere senza nessun controllo. A sei anni Aileen, giocando con dell’acido, si sfregia in modo permanente la faccia; a 14 inizia ad avere rapporti promiscui con diversi ragazzi e anche con il fratello, rimanendo ben presto incinta. Il bambino verrà successivamente affidato. La vita continua a non essere generosa con lei, poiché ben presto tutti i suoi parenti muoiono per malattie o incidenti, lasciandola sola. Così Aileen Wuornos inizia a mantenersi con piccole rapine e prostituendosi; spesso quando viene arrestata cambia nome in modo da riuscire a sfuggire alla legge.

biografia aileen wuornos
Aileen Wuornos a 7 anni

Nel 1974 sembra che la vita voglia darle un’opportunità: incontra Lewis Felle, un uomo ricco e presidente di un prestigioso yatch club della città. L’uomo di 69 anni si innamora ben presto della ventenne Aileen sposandola. Ma anche in questo caso la donna non approfitta della situazione e inizia a sperperare i soldi del marito arrivando anche a picchiarlo durante scatti di rabbia, tanto da essere arrestata per violenza.
Nei 10 anni successivi la vita di Aileen Wuornos sarà caratterizzata da esperienze con uomini violenti, che approfitteranno di lei spingendola sempre di più verso quel baratro oscuro, di autolesionismo e di odio nei confronti del genere maschile.
Un nuovo cambiamento sembra però prospettarsi nella vita, offrendole un’ennesima opportunità di rivalsa. In un bar per omosessuali nel 1986, incontra la 26enne Tyria Moore che si innamora di lei. Per alcuni anni l’animo inquieto di Aileen Wuornos sembra placarsi, ma le cose cambieranno ben presto.

aileen wuornos lewis fell
Aileen Wuornos e il marito Lewis Fell

Aileen Wuornos: il primo omicidio

Le due donne vanno a vivere insieme, mantenendosi con piccole rapine e prostituzione. Ma le cose cambiano il 30 novembre del 1989, quando Aileen Wuornos torna a casa con una macchina nuova, raccontando a Tyria di aver ucciso un cliente. È Richard Mallory, proprietario di mezza età di un negozio di elettronica, uomo che ama i cambiamenti e che come unica costante nella sua vita ha il sesso e l’alcol. Per questo, quando scompare nessuno si preoccupa più di tanto. Il corpo verrà ritrovato il 13 dicembre del 1989 presso l’Interstate 95 in Florida, ucciso da tre colpi di pistola calibro 22.

aileen wuornos tyria moore
Tyria Moore

Aileen Wuornos: i successivi omicidi

La rabbia e la violenza di Aileen Wuornos non si placano. Il 5 maggio del 1990 vicino all’Interstate 75 in Georgia viene trovato un uomo che non sarà identificato, anche lui ucciso con due colpi di pistola calibro 22.
Il primo giugno verrà trovato il cadavere di un uomo nudo sempre sull’intestatale 75, ucciso da 6 colpi di calibro 22. Vicino al cadavere vi è un preservativo usato, segno di un rapporto sessuale prima della morte. Viene identificato come David Spears, un camionista che era partito il 19 maggio per andare ad Orlando.

Il 6 giugno 1990 viene ritrovato un altro cadavere in avanzato stato di composizione, colpito da 9 pallottole calibro 22, che solo successivamente sarà identificato come Charles Carskaddon.
Le morti non si fermano. Il 30 luglio è la volta di Eugene Burress, un commesso 50enne che guidava il suo furgone di consegna sulla State Road nella contea di Pasco, anche lui scomparso e ritrovato sull’Interstate 75. L’arma dell’omicidio è ancora una volta un calibro 22.
Aileen Wuornos colpisce anche il 10 settembre del 1990 adescando Dick Humphreys di 53 anni, un responsabile del dipartimento della salute. Il suo corpo verrà trovato due giorni dopo con 7 proiettili calibro 22.
L’ultimo della serie di omicidi del 1990 è quello di Walter Gino Antonio, anche lui un camionista, trovato sulla strada di accesso alla Contea di Dixie il 18 novembre, ucciso da 4 colpi della calibro 22.

Monster Aileen Wuornos
Charlize Theron in una scena del film Monster, diretto da Patty Jenkins

Di Screenshot catturata da FrancisDG2002 – Opera propria, Copyrighted, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=7903837
Aileen Wuornos: indagini e arresto

Le indagini che portarono alla cattura di Aileen Wuornos non furono semplici, dato che la donna spesso usava dei nomi falsi che però corrispondevano a persone che realmente avevano compiuto dei delitti. Inoltre, all’inizio gli omicidi non furono collegati subito, anche se l’arma utilizzata era la stessa. Furono il detective Orange e Tom Muck ad iniziare a collegare i vari elementi dimostrandoli compiuti dalla stessa persona. Si stilò anche un profilo del serial killer. Tutti gli omicidi erano avvenuti nei pressi di strade ad alta percorrenza e a danno di persone che non si sarebbero mai fermate per far salire sconosciuti. L’assassino quindi doveva apparire innocuo, come per esempio una donna.

Esistevano anche alcune testimonianze, ad esempio quella di una vecchia signora, Rhonda Biley, la quale vide, in concomitanza di uno degli omicidi, due donne trovarsi in difficoltà con un’auto, che poi si scoprì rubata, e le quali le chiesero di non chiamare la polizia. Ovviamente erano Aileen e Tyria. Infine Aileen non era stata attentissima, lasciando impronte su oggetti rubati e un palmo insanguinato su uno sportello di un’auto.
Una volta saputo cosa cercare la polizia cercò di capire chi potesse essere la donna.
L’8 gennaio 1991 Aileen Wuornos prova a colpire ancora. Questa volta, però, a fare da esca è un’agente di polizia sotto copertura: egli non interviene con l’arresto, dato che si stavano ancora recuperando le prove, ma l’assassina viene individuata e seguita. Così, a una festa di biker, viene arrestata per possesso di armi. La caccia al serial killer era terminata.

aileen wuornos film
Il bar dove fu arrestata Aileen Wuornos
Aileen Wuornos: il processo e la condanna a morte

Il problema era la mancanza di prove schiaccianti che potessero ricondurre ai singoli omicidi. Così la polizia decide di utilizzare l’ex amante Tyria, con la speranza che Aileen parlasse a telefono con lei e facesse riferimento a tutte le sue azioni. Tyria infatti aveva subito confessato gli omicidi della compagna, una volta interrogata dalla polizia. Fu quindi stabilito che in tre giorni Tyria avrebbe contattato Aileen in carcere e parlato degli avvenimenti di quell’anno. L’espediente venne scoperto da Aileen, la quale si insospettì subito delle strane domande della compagna, ma, con grande stupore degli investigatori, decise di confessare tutto, sia per telefono che durante l’interrogatorio, scagionando l’amica e dichiarandosi completamente colpevole.

aileen wuornos 3

Il processo iniziò il 14 gennaio del 1992 con l’accusa di un solo omicidio. Il comportamento di Aileen fu irriverente verso la corte, e cercava di impietosire la platea dichiarando di essere lei la vittima, dato il tentativo degli uomini di violentarla e stuprarla. Le sue testimonianze furono spesso discordanti, alternandosi fra sbotti d’ira e dichiarazioni che l’autoaccusavano.
Alla fine, il 27 gennaio 1992 venne condannata a morte. Subito dopo arrivarono le sentenze per gli altri omicidi commessi, per un totale di 6 condanne a morte.
L’epilogo di questa triste storia si conclude alle 9.47 della mattina di mercoledì 9 ottobre del 2002, periodo in cui la sedia elettrica era ormai abolita, quando Aileen Wuornos viene giustiziata con una iniezione letale.

Aileen Wuornos 2

Leggi anche:

Articolo precedenteTavola Ouija per Comunicare con gli Spiriti: Pericoli e Regole
Articolo successivoIsola del Diavolo: uno dei Luoghi più Inquietanti e Terrificanti del Pianeta
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it