Testa di moro: una leggenda siciliana di amore e vendetta

0
4208
testa di moro

Le teste di moro, sono delle meravigliose ceramiche artigianali siciliane che raccontano una storia leggendaria dai toni tristi 

Oltre ad essere delle bellissime opere d’artigianato tipiche della Sicilia, le teste di moro a forma di volto umano, sono famose per la drammatica storia d’amore che narrano. 

Questi vasi ancora oggi ornano i balconi della bella città; vengono esposti in bella vista, appoggiati per terra, e rappresentano anche un ottimo regalo da comperare durante le vacanze in Sicilia, come ricordo della città, ma qual è la storia che si cela dietro le teste di ceramica siciliane?

La leggenda siciliana legata alla testa di moro

La storia racconta che più di mille anni fa, in un quartiere arabo di Palermo, oggi conosciuto come Kalsa, abitasse una bellissima ragazza che amava prendersi cura dei fiori fuori dal suo balcone. 
Un giorno mentre la fanciulla era solita curare i suoi fiori, fu notata da un giovane moro che era di passaggio che se ne innamorò a prima vista; la ragazza non disdegnò le sue attenzioni, ignara del fatto che il ragazzo in realtà fosse sposato e che di lì a poco avrebbe lasciato Palermo per tornare a casa sua.

La vicenda dei vasi siciliani, ha un risvolto tragico; quando la giovane siciliana scoprì le menzogne del suo amato, in preda alla rabbia, durante la notte gli tagliò la testa, così da tenerlo sempre con sé, e poi la espose fuori dal suo balcone utilizzandola come vaso ornamentale. 

Giorno dopo giorno, la ragazza riempì il vaso con le sue lacrime, piangendo disperata la fine del suo amore con il moro, fin quando non crebbe una meravigliosa pianta di basilico.
I suoi vicini iniziarono ad essere invidiosi della bellezza di quel vaso e del modo in cui la pianta di basilico cresceva rigogliosa, così fecero costruire dei vasi siciliani a forma di testa, proprio come quelli della fanciulla. 
Da quel momento in poi, fuori da ogni balcone siciliano, è possibile ammirare le ceramiche siciliane, simbolo di una storia d’amore conclusa male.

teste di moro

Teste di moro di Caltagirone

Il vaso siciliano, oltre a raccontare una storia interessante, è un elemento di arredamento davvero meraviglioso. Le più famose sono le ceramiche di Caltagirone. La sua particolarità sta nell’abilità artigiana con cui viene realizzato, infatti le linee dei volti che raffigura, rappresentano perfettamente i tratti umani. 
Un altro elemento che rende affascinanti le teste di moro sono i colori utilizzati che sono dai toni accesi e forti, e su ogni vaso è possibile ammirare uno stile e delle tonalità differenti utilizzate. 

leggende siciliane

Storia e abilità artigiana si fondono in un connubio perfetto, creando dei simboli ornamentali di gran gusto. 
In Sicilia, i vasi in ceramica, sono un elemento distintivo; ogni testa può essere utilizzata sia come soprammobile all’interno o all’esterno delle abitazioni, oppure come vaso per fiori, proprio come recita la storia. 
Si potrà scegliere tra una vasta serie di misure, modelli, e colori, ciascuno dei quali rappresenta un modello ornamentale davvero invidiabile. 
Dopo una vacanza in terra siciliana, non potrai non acquistare una testa di moro, per ricordare il viaggio e portare con te un pezzo di tradizione siciliana.

teste di moro caltagirone

Leggi anche:

Articolo precedenteMadama Cristina: le Leggende e i Misteri
Articolo successivoIl Castello di Fumone e il Mistero legato al Marchesino Longhi
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it