Necropoli di Pantalica

0
492
necropoli di pantalica

Necropoli di Pantalica: tra bellezza della natura e valore archeologico, millenni di storia in una valle immersa nel verde.

pantalica

Circondata da canyon scavati nella roccia, formati da due fiumi, l’Anapo e il Calcinara nel corso dei millenni,  si sviluppa una vasta necropoli di ben 5000 tombe a grotticella artificiale, scavate nella roccia, una delle più grandi d’Europa. Riconosciuta Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 2005. Sono state realizzate dai siculi, i primi ad abitarci, tra il XII e VIII secolo a.C. Erano chiamati “il popolo delle api” perché vivevano in queste grotte scavate nella pietra. Dopo di loro s’insediarono i Greci che fortificarono Pantalica ma che poi si spostarono sulla costa a Siracusa.

pantalica sicilia

Numerosi i reperti trovati nel corso degli scavi, risalenti al paleolitico e al neolitico, sono attualmente conservati nel museo Paolo Orsi di Siracusa.
La necropoli di San Martino è tra le più importanti, è composta da tombe a tholos (cupola) di epoca preistorica e da catacombe bizantine: l’Ipogeo di Dionisio e la Grotta di Sant’Anna. All’ingresso del primo  che è risalente al IV – V secolo d.C, c’è una scritta che dice:

«Dionisio che ha servito come presbitero nella Chiesa Erghitana per 34 anni dorme qui il sonno eterno.»

La seconda risale circa  al XI-XIII secolo e mostra degli affreschi di alcuni santi. Nelle due necropoli sono presenti delle tombe a baldacchino.

pantalica siracusa

Da visitare nei dintorni delle Necropoli di Pantalica

Nei dintorni si può visitare “la grotta dei pipistrelli” si trova accanto al fiume Calcinara e la sua particolarità come si intuisce dal nome, è data da una stanza, preceduta da un corridoio di 12 metri, piena di pipistrelli.
Pantalica, un’oasi naturale, dove poter ammirare, oltre alle suggestive necropoli, un meraviglioso paesaggio, praticando, se siete amanti del trekking , escursioni, partendo dai diversi sentieri presenti nell’area.

necropoli pantalica
La grotta dei pipistrelli

Leggi anche:

Articolo precedenteSan Sperate – il Giardino Sonoro di Pinuccio Sciola
Articolo successivoLarderello – la Valle del Diavolo
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it