Catacombe di Priscilla: tra le più Interessanti e Antiche di Roma

0
824
catacombe di roma

Le catacombe di Priscilla sono uniche nel loro genere in tutta la città di Roma, oltre a essere tra le più antiche. La loro costruzione risale infatti al II secolo d.C., anche se soltanto dopo 300 anni vennero completate in maniera definitiva.

Sono composte da oltre 13 km di gallerie sotterranee scavate nel tufo, per una profondità complessiva di 35 metri. Al loro interno diedero la sepoltura ai primi martiri cristiani: in totale, si contano circa 40 mila sepolture.

catacombe di priscilla

Sono diverse le catacombe di interesse culturale e storico. Di notevole richiamo anche la basilica, eretta sui resti del vecchio edificio commissionato nel IV secolo d.C. da papa Silvestro I.

A seguire un breve approfondimento sulle catacombe di santa Priscilla, con alcuni consigli pratici per una visita a uno dei siti di maggiore interesse per i fedeli cristiani, per gli amanti dell’archeologia e per gli appassionati di storia. In particolare, focus sulla catacomba di Priscilla, oltre che sulla raffigurazione della fenice che muore sul rogo e risorge dalle ceneri. Inoltre, verranno fornite le indicazioni sugli orari della visita all’intero sito e su come raggiungerle.

catacombe di roma

La descrizione delle catacombe di santa Priscilla

Su 13 km di gallerie sotterranee e su 35 metri di profondità, le catacombe di Priscilla sono state organizzate in tre differenti livelli. Il primo piano, quello più antico, ospita i loculi dove sono stati sepolti i primi martiri del Cristianesimo e alcuni Papi, tra cui Silvestro I, Celestino I e Vigilio. Oltre alle tombe delle persone comuni e di chi morì in nome della fede cristiana, il livello superiore del sito archeologico ospita anche delle piccole stanze chiamate cubicoli.

catacombe priscilla

Su quest’ultimi si concentra il maggiore interesse da parte degli appassionati di storia e arte. Il merito è da attribuire alle pitture ancora perfettamente conservate, arrivate quindi fino a noi in eccellente stato. Da questo punto di vista, le due aree di maggiore interesse sono il cubicolo della Velata e la cappella greca.

Nella parete della prima stanza è raffigurata una giovane donna al centro con ai lati due scene legate alla sua vita. Se si pensa che la sua realizzazione viene fatta risalire alla seconda metà del III secolo d.C., è lecito affermare che si è davanti a un unicum della pittura cimiteriale.

catacomba-priscilla
Cubicolo della velata, Donna orante, III secolo

Oltre al cubicolo della Velata, l’altra area di maggiore interesse artistico della catacomba di Priscilla è la cappella greca. All’ingresso, è possibile ammirare la raffigurazione della misteriosa fenice che muore sul rogo e risorge dalle ceneri. Gli interni della stanza sono impreziositi da numerose pitture in cui vengono rappresentati episodi tratti dal Vecchio e dal Nuovo Testamento, come ad esempio l’adorazione dei re Magi e la guarigione del paralitico.

catacombe di santa priscilla
Dipinto raffigurante Maria con il Bambino sulle ginocchia e un profeta accanto (III secolo). La più antica raffigurazione della Madonna.

La figura di santa Priscilla

Santa Priscilla è la figura femminile a cui sono intitolare le catacombe. Secondo le ricostruzioni storiche, Priscilla appartenne alla nobile famiglia aristocratica degli Acili, moglie di Manlio Acilio Glabrione. Fu lei a donare il terreno sotto il quale furono scavate le catacombe per seppellire i primi martiri del Cristianesimo. Oggi l’intera area è gestita dalle Benedettine di Priscilla, congregazione istituita dal sacerdote Giulio Belvederi nella prima metà del Novecento.

santa priscilla
Santa Priscilla

Orari e biglietti per la visita alle catacombe di Priscilla

Le catacombe di Priscilla sono aperte al pubblico dal martedì alla domenica (lunedì chiuso). Gli orari di visita vanno dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17. L’ingresso al sito è a pagamento. Il biglietto per gli adulti costa 8 euro, quello ridotto invece 6 euro. Le persone interessate alla scoperta dell’area sono tenute a indossare un abbigliamento consono per la visita. Infatti, è opportuno ricordare che la temperatura all’interno delle catacombe è intorno ai 13 gradi. Durante la stagione estiva è consigliata quindi una felpa a maniche lunghe sopra la maglietta corta, così da poterla poi toglierla agevolmente una volta terminato il tour guidato.

catacombe santa priscilla
Come raggiungere le catacombe di Priscilla

Le catacombe di Priscilla sono situate lungo la via Salaria, nei pressi del parco pubblico Villa Ada. Si possono in auto, in pullman e in metro. Chi sceglie di raggiungerle in auto deve seguire le indicazioni per Roma Centro/Salario, entrando infine in via Salaria (strada statale 4, ndr). In autobus, partendo dal centro città le linee di riferimento sono le numero 63 e 83.

Arrivando dalla stazione Termini, si consiglia di salire sulle linee 92 e 310. Indipendentemente dalla linea di autobus scelta, la fermata più vicina all’ingresso delle catacombe è Crauti (piazza Crauti, ndr), distante circa 10 minuti a piedi. In alternativa, è possibile prendere anche la metropolitana (linea B) per poi scendere alla fermata S. Agnese/Annibaliano. Dallo stop della metro, il sito archeologico è raggiungibile a piedi in circa 15 minuti.

	catacombe roma più belle

Leggi anche:

Articolo precedenteGirolamo Segato ed Efisio Marini: i Pietrificatori di Corpi
Articolo successivoCimitero delle fontanelle: Leggende e Rito delle Anime Pezzentelle
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it