Riserva Naturale della Val Rosandra

0
888
val rosandra

La Val Rosandra è una delle mete più amate dagli escursionisti nella zona di Trieste è adatta anche per gli alpinisti più esperti. Si trova vicino al confine Sloveno, tra il comune di San Dorligo della Valle e quello di Erpelle-Cosina.

val rosandra trieste

La riserva naturale della Val Rosandra e le sue grotte

La meravigliosa riserva naturale della Val Rosandra è meta anche di speleologi per la presenza di numerose grotte, era già abitata in tempi preistorici, infatti, numerosi ritrovamenti archeologici ne attestano la presenza nel neolitico.

La grotta più importante è quella di San Servolo, una chiesa sotterranea profonda circa 48 metri e lunga una cinquantina di metri. Si narra che nel III secolo avrebbe dato rifugio ad un dodicenne cristiano di nome Servulus. Dopo aver passato 11 mesi da eremita ritornò alla sua città portando con sé dei doni, poteva far miracoli ed eseguire esorcismi.

trieste val rosandra

Nel centro di questa splendida valle, scorre l’unico corso d’acqua superficiale del Carso triestino, il Torrente Rosandra-Glinščica, lungo il suo breve corso si trova una cascata che ha un salto di circa 40 metri che va a formare un laghetto.

riserve naturali friuli

Nel primo secolo un acquedotto romano lungo 17 km arrivava fino al centro di Trieste, portando circa 5800 metri cubi di acqua al giorno, la sua profondità era di 160 cm e la sua larghezza di 55 cm, costruito da una base di pietra con due muri laterali, collegati e coperti da una volta. Oggi di questa solida struttura ne rimane solo un centinaio di metri, dopo i numerosi danneggiamenti purtroppo intenzionali. Si possono vedere i resti all’ingresso della valle.

torrente rosandra

La chiesa di Santa Maria in Siaris e le sue penitenze

Verso la fine della Val Rosandra si trova un santuario chiamato Madonna in Siaris, che si erge su una rupe scoscesa, un luogo estremamente meraviglioso dove si gode la vista di tutto il territorio circostante, una leggenda racconta che Carlo Magno la fece costruire per essere sepolto proprio lì.

Nello statuto dell’anno 1330 c’era una penitenza riservata ai bestemmiatori: dovevano recarsi scalzi fino alla chiesetta che distava 12 chilometri per chiedere perdono alla Vergine. Negli ultimi anni è in uso una processione che attraversa tutta la valle per procedere verso l’antico santuario.

rosandra
Chiesa di Santa Maria in Siaris

Tra palestre di roccia, cascate e grotte, l’incantevole Val Rosandra  è sicuramente un posto da visitare, soprattutto per gli amanti dell’escursionismo.

val rosandra arrampicata

riserva naturale della val rosandra

Leggi anche:

Articolo precedenteIl Castello di Rivalta e il Cuoco Fantasma
Articolo successivoGrotta Gigante Trieste: una delle più Belle Grotte in Friuli
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it