Museo della Morte – Museum of Death

0
1168
museo della morte

Il museo della morte (Museum of Death), si trova a Los Angeles, al 6031 di Hollywood Boulevard ed espone un’ampia gamma di reperti che mostrano la morte nuda e cruda.

Storia del Museo della Morte

Fu inaugurato nel 1995, a San Diego, (poi successivamente fu spostato a Los Angeles), dai fondatori JD Healy e Catherine Shultz, che volevano dare una sorta di educazione alla morte, per far capire alle persone l’importanza della vita e di quanto sia preziosa.

Inizialmente, prima di diventare un museo era la sede della Westbeach Recorders, uno studio di registrazione fondato nel 1985 dal chitarrista dei Bad Religion Brett Gurewitz e prima ancora ospitava la Producers Studio, dove registrarono, tra gli altri, anche i Pink Floyd. Grazie a questo le pareti sono rimaste insonorizzate nell’edificio immergendo il museo in un suggestivo silenzio e isolandolo dall’esterno.

La visita ha la durata di 45 minuti circa,chi se la sente può comunque rimanere del tempo in più. Un test iniziale che si trova all’entrata del museo della morte, mostra il corpo mutilato di un uomo dopo un incidente stradale e tutte le sue membra sparse sulla strada. Se siete in grado di sopportarlo potete accedere, altrimenti forse è meglio lasciar perdere.

Nel museo ci sono esposti: suicidi di massa, incidenti stradali, serial killer, vari strumenti da obitorio e da pena di morte e filmati di reali autopsie.

museum of death

La sala più importante è quella dedicata al suicidio di massa di Heaven’s Gate

Le persone erano convinte che le loro anime sarebbero state trasportate a bordo di un’astronave spaziale che doveva trovarsi sulla scia della cometa Hale-Bopp, per essere portati in un regno superiore. La scena è stata ricreata esattamente come quella che si sono ritrovati davanti gli investigatori il 26 marzo del 1997, quando nella villa di San Diego trovarono i cadaveri di 39 persone che si erano tolte la vita con una dose letale di barbiturici. Sono stati trovati coperti da sudari viola, con indosso delle scarpe nike, e tutti erano disposti su dei letti a castello.

Il pezzo più importante del museo della morte è la testa di Henri Landru, un serial killer francese che uccise 11 donne, noto anche come Barbablù.

Il museo è aperto a tutti perché a detta loro la morte può colpire chiunque, tuttavia è consigliato agli adulti, per via dei contenuti e degli oggetti troppo espliciti per i bambini.

Leggi anche:

Articolo precedenteRegalare Perle Porta Male? Qual è il loro Significato?
Articolo successivoVenerdì 17: Perché Porta Sfortuna?
Sabrina Parigi è nata a Firenze e lì ha frequentato un corso di trucco di base, trucco teatrale ed effetti speciali. Da sempre appassionata di cinema, si è documentata accuratamente e a lungo su regia, sceneggiatura, soggetto e dialoghi per il cinema. Nel 2008 ha dato vita, insieme ad altri soci, all'associazione culturale di cinema indipendente “Le Tre Pietre”, che ha come scopo la realizzazione di corti/medi/lungometraggi, documentari, videoclip e la divulgazione delle arti in genere. Nel 2007 dirige e interpreta il corto Le Tre Pietre, nel 2008 Crypto, ottenendo la nomination come miglior regia esordiente al Festival di Roma “Corto.it”. Nel 2009 realizza il documentario Piccole e curiose storie fiorentine, selezionato e apprezzato in numerosi festival, al quale è seguita una versione più completa ed accurata, dal titolo Firenze curiosità e leggende. Negli ultimi anni ha continuato a fare ricerche sulle origini di antiche leggende e superstizioni, creando nel 2017 il sito Leggende, Curiosità, Misteri e Paranormale, sostituito nel 2018 dal sito migliorato e completo 3pietre.it